LA "MIA" PAROLA DI SPERANZA DEL GIORNO

«Non è qui. E' risorto!»

lunedì 8 febbraio 2010

2

Silenzio e amore



Cristo dice: “Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati(Gv 15, 12).


Abbiamo bisogno di silenzio per accogliere queste parole e metterle in pratica. Quando siamo agitati e irrequieti, abbiamo così tanti argomenti e ragioni per non perdonare e per non amare. Ma quando “abbiamo calmato e resa quieta la nostra anima”, queste ragioni ci paiono insignificanti. Forse qualche volta rifuggiamo il silenzio, preferendo qualunque rumore, parola o distrazione, perché la pace interiore è una cosa rischiosa: ci rende vuoti e poveri, disintegra le amarezze e ci conduce al dono di noi stessi. Silenziosi e poveri i nostri cuori sono ricolmati dello Spirito Santo, riempiti con un amore incondizionato.


Il silenzio è un umile ma sicuro cammino verso l’amore.

2 commenti:

don Mario Aversano ha detto...

Il silenzio ha a che fare con l'esperienza dello spazio interiore. Con la possibilità di entrare in contatto con l'abisso che è dentro di me. Di farlo abitare da Colui che fa del silenzio la Sua Parola più eloquente.

Shalla-là ha detto...

Com'è difficile, però, fare silenzio... e lasciare che questo spazio interiore venga abitato! :-(